Cosa sono i fondi interprofessionali e perché sono utili nella formazione finanziata aziendale?

Molto spesso le aziende non conosco l’esistenza dei fondi interprofessionali aziendali e della loro potenzialità di erogare formazione finanziata.

In cosa consistono i fondi interprofessionali?

I Fondi Paritetici Interprofessionali nazionali per la formazione continua sono organismi di natura associativa promossi dalle organizzazioni di rappresentanza delle Parti Sociali attraverso specifici Accordi Interconfederali stipulati dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori maggiormente rappresentative sul piano nazionale.

Secondo quanto previsto dalla Legge n.388 del 2.000 le imprese possono destinare la quota dello 0,30% dei contributi versati all’INPS (il cosiddetto “contributo obbligatorio per la disoccupazione involontaria”) ad uno dei Fondi Paritetici Interprofessionali, attraverso il modello Uniemens.

Si tratta in sostanza di un “salvadanaio” in cui l’azienda colloca determinate risorse economiche.

Perché fondi interprofessionali sono utili?

Conoscere dove l’azienda destina le risorse ed utilizzarle è un’ottima pianificazione nella gestione del piano di formazione all’interno delle PMI. Questo aspetto è molto importante, soprattutto tenendo conto che per alcuni fondi vi è sia la possibilità di accedere ai soldi versati sia quello di accedere a degli avvisi che permettono l’uso di ulteriori risorse aggiuntive.

Proprio su questo aspetto segnaliamo che il fondo Fondimpresa, con l’avviso 2/2017, ha stanziato 10 milioni di euro per la presentazione di piani formativi: clicca per leggere l’articolo

Come fa un’azienda a sapere a quale fondo è iscritta?

Semplicemente chiedendo al proprio consulente paghe: “la stampa del cassetto previdenziale”, dal quale si può verificare il tipo di fondo a cui l’azienda aderisce.

Per informazioni e consulenze:

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy